http://ift.tt/2g1gwgb

Roma: ripudia la figlia, condannato  a pagare 300 mila euro di danni

Il tribunale civile ha concesso il risarcimento perché l’azione di disconoscimento della paternità è stata intentata troppo tardi: «Fortemente doloroso il vuoto creatosi dopo 38 anni trascorsi nella convinzione di uno status identitario falso»